NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google"). Google Analytics utilizza dei "cookies", che sono file di testo che vengono depositati sul computer del navigatore per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web da parte dell'utente (compreso il suo indirizzo IP) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare l'utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Google non assocerà l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'utente può rifiutarsi di usare i cookies selezionando l'impostazione appropriata sul proprio browser, ma ciò potrebbe impedirgli di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web. Utilizzando il presente sito web, l'utente acconsente al trattamento dei suoi dati da parte di Google per le modalità e i fini sopraindicati.
Modalità del trattamento
I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
Diritti degli interessati
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 del d.lgs. n. 196/2003). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.

immagine non disponibile
Slider

Campionati Italiani Cadetti, bronzo per Emanuele Nardella!

Partono subito con una grande soddisfazione per la scherma pugliese i Campionati Italiani Cadetti e Giovani in corso di svolgimento a Verona grazie al terzo posto di Emanuele Nardella del Club Scherma San Severo nella sciabola Cadetti. L’atleta sanseverese, al suo primo anno tra i Cadetti dopo aver dominato il panorama nelle categorie under 14 negli scorsi anni, è salito sul podio tricolore mettendo in riga Gianmarco Perticoni dell’Aeronautica Militare per 15-12, Michele Gallo del Club Scherma Salerno all’ultima stoccata ed Alessandro Conversi del Club Scherma Roma con un netto 15-5. In semifinale però Nardella è stato fermato da Alberto Nigri del Petrarca Padova, più grande di lui di due anni, che si è imposto per 15-12 ed è poi andato a vincere il titolo italiano di categoria. Resta comunque un grande risultato per lo sciabolatore del Club Scherma San Severo, tra i più giovani finalisti in assoluto, che conferma così la sua crescita esponenziale . Nella stessa gara buon decimo posto del tranese Marco Domenico Pellegrino, 31° Ciro Buenza del Club Scherma San Severo, 32° Marco Mastrullo, 34° Roberto Bonsanto e 42° Arnaldo Piserchia (tutti e tre del Circolo Schermistico Dauno). Nel tabellone femminile terza Federica Maria Scisciolo della Virtus Bologna e quinta Gaia Carella del Champ Napoli, superata nei quarti proprio dalla Scisciolo. Carella sarà in gara anche nella categoria Giovani.Tredicesimo posto infine per Francesco Fiore del Club Scherma Bari nel fioretto Cadetti. Grande plauso al Club Scherma San Severo!

A Verona si assegnano i titoli italiani Giovani e Cadetti: 19 pugliesi in gara

Si accendono ancora le luci sulle pedane di Verona, dove nell’ultimo fine settimana di maggio si assegnano i titoli italiani per le categorie Giovani e Cadetti. Saranno circa cinquecento gli atleti in pedana e, fra di essi, 19 pugliesi (con una impegnata in entrambe le categorie). Nei Cadetti ci sono il fiorettista del Club Scherma Bari Francesco Fiore, le sciabolatrici Gaia Carella del Champ Napoli (che ritroveremo in gara anche con i più grandi) e Federica Maria Scisciolo della Virtus Bologna, gli sciabolatori Ciro Buenza ed Emanuele Nardella del Club Scherma San Severo, Roberto Bonsanto, Marco Mastrullo ed Arnaldo Piserchia del Circolo Schermistico Dauno e Marco Domenico Pellegrino della Scherma Trani, la spadista del Club Scherma Lecce Liliana Verdesca e, nella spada maschile, Samuele Erriquez e Pietro Rinaldi delle Lame Azzurre Brindisi con Giorgio Lombardi del Club Scherma Lecce. Fra i Giovani gareggeranno Raffaele Minischetti del Club Scherma San Severo e Fabrizio Maria Scisciolo della Virtus Bologna nella sciabola, Mariella Gigliola delle Lame Azzurre Brindisi nella spada, il leccese dell’Accademia Marchesa Torino Giulio Gaetani nella spada con i fiorettisti Francesco Pio Iandolo del Club Scherma Salerno e Gabriele Cangelosi del Club Scherma Roma. A tutti i pugliesi in gara un grosso in bocca al lupo da parte del Presidente Matteo Starace!

Fase Finale del Gran Premio Giovanissimi 2018, il bilancio della Puglia

Conquistate due posizioni sul podio, col secondo posto di Davide Cicchetti del Circolo Schermistico Dauno nella sciabola Ragazzi ed il terzo di Gaia Carafa del Club Scherma San Severo nella sciabola Giovanissime; altri due piazzamenti nei quarti di finale con Raffaele Colaci delle Lame Azzurre Brindisi, sesto nella spada Maschietti, e Gabriele Vetturi della Scherma Trani, settimo nella sciabola Ragazzi; inoltre, altri sette atleti hanno centrato l’accesso agli ottavi (la fiorettista dell’Accademia Re Manfredi Ilaria Olivieri, gli spadisti Alberto De Giorgi del Club Scherma Lecce e Lawrence Pascal Paolo Ferrandina del Club Scherma Bari e gli sciabolatori Vincenzo Caccavelli, Vincenzo Cannelonga, Antonio Miale e Martina Giancola, tutti del Club Scherma San Severo. In breve, ai nostri è mancato l’acuto vincente ma i risultati sono sostanzialmente in linea con lo scorso anno, quando i nostri rappresentanti nei tabelloni principali furono 28 contro i 27 di questa 55ma edizione del Gran Premio Giovanissimi. Altrettanto, sono otto le Società che hanno portato almeno un atleta nel main draw: 8 per il Club Scherma San Severo, 6 per la Scherma Trani, 5 per il Circolo Schermistico Dauno, 2 Accademia Re Manfredi, Club Scherma Lecce e Lame Azzurre Brindisi, uno a testa per Club Scherma Bari e Circolo della Scherma Brindisi. “Il bilancio di questa edizione del Gran Premio Giovanissimi – commenta il Presidente del Comitato Regionale Matteo Starace – conferma il trend della scherma pugliese in questi ultimi anni. Le presenze sul podio per il terzo anno di fila per Davide Cicchetti e per il secondo anno su due per Gaia Carafa ci dicono che la nostra sciabola ha delle punte di eccellenza dietro le quali si sta sviluppando un movimento molto interessante di nuove leve. Segnali di crescita stanno arrivando anche dalla spada, grazie all’ottimo lavoro del CAF organizzato dal  Maestro Flavio Zumbo; nel fioretto si è confermata anche a livello nazionale la tradizione dell’Accademia Re Manfredi. Probabilmente il nostro bottino avrebbe potuto essere anche migliore con un pizzico di fortuna in più: non dimentichiamo che Cicchetti si è visto sfuggire il titolo italiano solo all’ultima stoccata e che in diversi casi i nostri atleti sono stati fermati da chi poi avrebbe vinto la gara. Spesso a fare la differenza sono gli episodi ma voglio comunque accomunare nel mio ringraziamento non solo tutti gli atleti impegnati in pedana ma anche le loro famiglie, le Società ed i Maestri che con il loro lavoro permettono di tenere in alto il vessillo della scherma pugliese!”.

Riccione, cala il sipario con l’ottimo 6° posto di Raffaele Colaci

Ultima giornata foriera di una più che incoraggiante buona prestazione dei piccoli spadisti; sugli scudi soprattutto Raffaele Colaci delle Lame Azzurre Brindisi, sesto nella categoria Maschietti: nell’odine ha superato Tobia Biasion (Circolo della Spada Bassano) per 10-1, Alessio Innocente (Lame Trevigiane) 10-4, Pietro Vistarini (Piccolo Teatro Milano) 10-8 e Filippo Leone (Scherma Vigevano) all’ultima stoccata ma nei quarti di finale ha pescato proprio il futuro vincitore del titolo tricolore, Brando Foschini del Circolo della Spada Cervia, che si è imposto per 10-3. Ha centrato l’accesso al tabellone principale anche Paolo Lanza, compagno di club di Colaci, che ha chiuso al 20° posto; in gara tra i Maschietti anche Nicolò Scommegna dell’Accademia Re Manfredi, Sebastian Tomasicchio del Club Scherma Bari e Scipione Borghese dell’Accademia Scherma Lecce; per i Giovanissimi erano in pedana Nicolò Morciano delle Lame Azzurre Brindisi e Luca Cianci del Club Scherma Bari. La scherma pugliese chiude dunque con due medaglie: l’argento di Davide Cicchetti ed il bronzo di Gaia Carafa. A breve sul nostro sito sarà pubblicato un bilancio della rassegna ma sin da ora è giusto tributare un doveroso omaggio a tutti i piccoli atleti che hanno rappresentato la scherma pugliese in questa edizione del Gran Premio Giovanissimi.

Abbiamo 122 visitatori e nessun utente online

Partner