NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google"). Google Analytics utilizza dei "cookies", che sono file di testo che vengono depositati sul computer del navigatore per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web da parte dell'utente (compreso il suo indirizzo IP) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare l'utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Google non assocerà l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'utente può rifiutarsi di usare i cookies selezionando l'impostazione appropriata sul proprio browser, ma ciò potrebbe impedirgli di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web. Utilizzando il presente sito web, l'utente acconsente al trattamento dei suoi dati da parte di Google per le modalità e i fini sopraindicati.
Modalità del trattamento
I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
Diritti degli interessati
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 del d.lgs. n. 196/2003). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.

immagine non disponibile
Slider

Intervista doppia Lotti - Cucurachi, storie dallo splendido Sud Puglia

Le vostre Società sono anagraficamente tra le più giovani del panorama schermistico pugliese: presentatele.
Laura Lotti “Le origini del Club Scherma Carlo Alberto Lotti partono nel 2008 con la denominazione Club Scherma Città Bianca Ostuni. Dal 2012 il Club si è trasferito a San Vito dei Normanni ed è stato intitolato alla memoria del mio papà, venuto a mancare prematuramente all’età di 49 anni ma che è stato l’artefice dell’avvicinamento alla scherma da parte mia e di mio fratello Francesco, sciabolatore: mio padre ci ha sempre seguito rispettando le nostre scelte. A soli 22 anni sono stata la più giovane in Italia a conseguire, a pieni voti, il titolo di Maestra di scherma presso l’Accademia Nazionale di Napoli ed in seguito ho avuto la soddisfazione di affiliare la mia Società vedendo crescere dei ragazzi che hanno ottenuto risultati meravigliosi con sette podi nazionali nella categoria GPG e ben 57 podi a carattere interregionale”. 
Nicola Cucurachi “La Virtus Scherma Salento è stata fondata lo scorso anno a Calimera dal sottoscritto, istruttore nazionale alle tre armi e presidente pro tempore del club, coadiuvato dal futuro tecnico delle armi Domenico Calò, vicepresidente. La Società nasce da una costola dell’Accademia di Scherma Lecce dei Maestri Paolo e Roberto Cazzato, miei formatori ed amici carissimi che mi hanno sempre sostenuto sin da quando, all’età di 22 anni, cominciai a tirare col CUS Lecce. Attualmente il nostro Club conta circa trenta iscritti: per la maggior parte di età compresa tra i 5 e i 12 anni, ma c’è anche qualche ragazzo sulla ventina. Tra i nostri atleti, quelli che si sono maggiormente distinti sono stati gli spadisti Emanuele Tommasi, secondo classificato nella prova GPG di Rende nella categoria Maschietti, e Marta Ingrosso, terza nella categoria Bambine”.

Quanto è difficile dare vita a un club di scherma in un paese di provincia?

Lotti “Molto, ma ho avuto la fortuna di ispirarmi a due figure alle quali devo tutto ciò che ho creato nella scherma e cioè i Maestri Giuseppe Ricchiuto e Vittorio Zumbo. Inoltre devo ringraziare colui che sta facendo in modo che il movimento schermistico a San Vito dei Normanni continui a crescere: mio marito Vito Pietro Ancora, presidente del club, che mi ha regalato anche la gioia di essere mamma di due bellissimi gemellini che hanno appena iniziato ad impugnare il fioretto. A proposito dell’arma quadrangolare, nel 1995 ho avuto l’opportunità di frequentare i ritiri degli Azzurrini ma non con la mia arma di elezione bensì con la sciabola, che sinceramente non ho mai amato. Così ho preferito andare avanti per la mia strada: una scelta che purtroppo mi ha allontanato dalla possibilità di entrare nel giro azzurro e di far parte di qualche gruppo sportivo a carattere militare. Sino a qualche tempo fa mi chiedevo cosa sarebbe successo se avessi optato per la sciabola, ma ora non più: sono felice della mia scelta e attualmente tra i Master sono prima del ranking femminile. Continuando a gareggiare cerco di mettermi sempre in discussione e di dimostrare ai miei ragazzi che non bisogna mai abbassare la guardia. Nello sport come nella vita”.
Cucurachi “Difficile? Moltissimo! Perché laddove ci sono società già consolidate di altre discipline che hanno finora monopolizzato le strutture sportive, bisogna sgomitare parecchio per ritagliarsi un po’ di spazio. Serve tempo e denaro per ristrutturare locali, che spesso non sono altro che depositi in condizioni fatiscenti, concessi in affitto dal Comune. Eppure, per amore della scherma, si fa questo ed altro”.

Leggi tutto: Intervista doppia Lotti - Cucurachi, storie dallo splendido Sud Puglia

Carlo Nicastro, un sogno iridato per i Master di Puglia

Dici Master in Puglia e pensi a Carlo Nicastro: il plurititolato e polivalente atleta del Circolo Schermistico Dauno, da qualche mese divenuto anche Componente del Consiglio Regionale Pugliese, ha un palmares di alto lignaggio che conta due titoli europei  - nel 2011 e nel 2015 - un argento continentale a squadre nel 2014 e due titoli italiani nel 2008 e nel 2013; nella scorsa stagione una vera e propria beffa gli ha impedito, per appena cinquanta centesimi di punto, di essere convocato per la kermesse europea ma quest’anno cova progetti di rivincita. Nei mesi scorsi, eletto tra gli atleti Consigliere regionale, ha le idee chiare su come interpretare questo nuovo ruolo: “Di concerto col Presidente Matteo Starace stiamo studiando una serie di progetti per promuovere la pratica della nostra affascinante disciplina ed avvicinarla ad un numero sempre crescente di potenziali fruitori. In questo senso l’intento è quello di organizzare eventi schermistici in location inconsuete, diverse dai palazzetti, proprio per raggiungere più gente nuova possibile. È chiaro però che per riuscire in questo progetto servirà la collaborazione di tutti, in primis degli enti locali, ma credo che possa essere un’opzione praticabile. Ritengo che, per promuovere la scherma, il settore dei Master possa essere una buona vetrina: il nostro è un ambiente molto coeso, dove si avverte grande amicizia e che dimostra che il nostro sport si può praticare a qualunque età. Un altro aspetto che stiamo affrontando è quello di cercare di ridurre i costi a carico delle famiglie: come atleta Master posso dire che il modello organizzativo delle gare così come era negli anni Ottanta permetteva di contenere le spese delle trasferte entro cifre ragionevoli. Mi rendo conto che molte cose sono cambiate da allora, ma dobbiamo comunque venire incontro alle esigenze di tutti coloro che fanno grossi sacrifici per permettere ai figli di praticare la loro passione. Un’altra proposta che ho avanzato in occasione della prima riunione del nuovo Consiglio Regionale è stata quella di reintrodurre la disputa dei Campionati Regionali Assoluti, così come avviene anche in altre regioni d’Italia: in questo modo si potrebbe dare maggiore rilievo agli atleti delle categorie Open che militano in Puglia”.

Leggi tutto: Carlo Nicastro, un sogno iridato per i Master di Puglia

Qualificazione Zona Sud, la Puglia in pedana ad Avellino

Saranno 31 - 17 nelle due prove di fioretto e 14 in quelle di sciabola – i pugliesi in gara ad Avellino nella qualificazione Zona Sud; ad essi vanno aggiunte ben 7 squadre (due in campo maschile e cinque femminili) che prenderanno parte al Campionato di Spada di Serie C2. Dopo il cambio forzato di location l'evento si terrà presso il Palazzetto “Noi con loro”, articolato in due giorni: sabato saranno di scena le 35 atlete di sciabola femminile, con Donata La Serra (Scherma Trani), Asia Fontanello (Club Scherma San Severo), Roberta Marchetti, Ester Morlino, Alessia Padalino e Serena Pia D’Angelo, tutte del Circolo Schermistico Dauno, e i due tornei di spada a squadre: nel tabellone maschile figurano Circolo Schermistico Dauno (con Antonio Cagnazzo, Luigi Marasco, Fabio Minna e Marco Virgilio) e Club Scherma Lecce (Giovanni Sammarco, Giorgio Lombardi, Giulio Martina e Corrado Verdesca); cinque, come detto, le presenze nella prova femminile con Club Scherma Bari (Anna Bertoldi, Roberta Azzollini, Claudia Beatrice Bagnato e Arianna Cassano), Circolo della Scherma Brindisi (Giulia Sara Russi, Giulia Sportelli, Giada Giunta e Giorgia D’Astore), Circolo Schermistico Dauno (Maria Grazia Lattanzio, Francesca Zurlo, Elisa Anna Lombardo e Benedetta Masullo), Club Scherma Lecce (Ludovica Montinaro, Letizia Orlando, Alice Rita Spagnolo e Luisa Di Ciaula) e Club Scherma Taranto (Ludovica Elefante, Myriam Lucrezia Lecito, Sarah Solito e Eleonora Chiruzzi).

Leggi tutto: Qualificazione Zona Sud, la Puglia in pedana ad Avellino

PROVA DI QUALIFICAZIONE ZONA SUD SEDE CONFERMATA MA CAMBIO DI LOCATION

Cambia la struttura location della prova di qualificazione Zona Sud in programma nel fine settimana ad Avellino. Le avverse condizioni atmosferiche dei giorni scorsi hanno danneggiato il Palasport del Comune di Grottolella, dove avrebbe dovuto originariamente tenersi la gara organizzata dalla Podjgym Avellino. Alla luce di questa situazione di emergenza, il club irpino ha individuato come sede di gara il Palazzetto “Noi con loro”, sito ad Avellino in Via Morelli e Silvati 13/A.

Leggi tutto: PROVA DI QUALIFICAZIONE ZONA SUD SEDE CONFERMATA MA CAMBIO DI LOCATION

Lello Riontino, i due volti di una brillante carriera

Raffaele Riontino, nominato componente della Commissione Arbitrale della Federscherma vanta un curriculum di tutto rispetto, sia come atleta che come arbitro: nel 1994 Campione Italiano di categoria a Rimini, medaglia di bronzo ai Campionati Italiani Juniores di Bologna e bronzo ai Campionati Italiani Cadetti. Nazionale Under 20 dal 1994 al 1999, conclusa la carriera agonistica è passato nei quadri del Gruppo arbitrale ottenendo anche in questo settore risultati prestigiosi: in questa veste ha finora partecipato ad 11 Campionati Italiani Assoluti (dirigendo 5 finali di sciabola) ed è abilitato internazionale dal 2006. Al suo attivo anche 2 Campionati Europei Cadetti e Under 20 (a Rovigo ed Amsterdam), 2 Campionati Europei Under 23 (Monza e Debrecen), un Campionato Europeo Assoluti, il Mondiale Under 20 di Baku ed un Campionato del Mondo Assoluti.

Leggi tutto: Lello Riontino, i due volti di una brillante carriera

Abbiamo 142 visitatori e nessun utente online

Partner