NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google"). Google Analytics utilizza dei "cookies", che sono file di testo che vengono depositati sul computer del navigatore per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web da parte dell'utente (compreso il suo indirizzo IP) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare l'utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Google non assocerà l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'utente può rifiutarsi di usare i cookies selezionando l'impostazione appropriata sul proprio browser, ma ciò potrebbe impedirgli di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web. Utilizzando il presente sito web, l'utente acconsente al trattamento dei suoi dati da parte di Google per le modalità e i fini sopraindicati.
Modalità del trattamento
I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
Diritti degli interessati
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 del d.lgs. n. 196/2003). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.

immagine non disponibile
Slider

Cadetti Terni, Iandolo sfiora il podio nel fioretto

Ancora un bel risultato per la scherma pugliese in occasione della seconda giornata della Seconda Prova Nazionale Cadetti, in corso di svolgimento a Terni, con il foggiano Francesco Pio Iandolo (attualmente tesserato per il Club Scherma Salerno) che - su ben 209 fiorettisti - resta ai piedi del podio: dopo aver sconfitto 15-8 Vittorio Alvise Ceccato da Montebelluna, 15-3 il frascatano Pierluigi Scotti, 15-9 Tommaso Martini del Club Scherma Agliana e 15-12 Francesco Griseri della Comense Scherma, Iandolo si ferma nei quarti per mano del siracusano Federico Pistorio col punteggio di 15-8 e chiude al quinto posto. Accede al tabellone dei 32 un altro atleta di origini pugliesi, Gabriele Cangelosi del Club Scherma Roma (29°). Sfiora invece l’accesso al tabellone principale, Andrea Annicchiarico del Circolo della Scherma Brindisi, che si ferma nei trentaduesimi e si piazza al 35° posto. Erano in gara altri sette atleti pugliesi: Francesco Fiore, Roberto Ronzulli, Marcello Bari ed Adriano Esposito del Club Scherma Bari, Matteo Patrone della Carloalberto Lotti, Marco Virgilio ed Antonio Cagnazzo del Circolo Schermistico Dauno. Cinque le pugliesi nella spada femminile Arianna Saracino e Maria Chiara Ingrosso delle Lame Azzurre Brindisi, Saba Maiorano del Club Scherma Bari, Myriam Lucrezia Lecito e Camilla Di Gregorio del Club Scherma Trani.

Leggi tutto: Cadetti Terni, Iandolo sfiora il podio nel fioretto

Cadetti Terni, Pietro Rinaldi sul podio di spada!

La tre giorni di Terni inizia con un eccellente terzo posto nella spada maschile con ben 314 partecipanti,  nella seconda prova nazionale Cadetti alle sei armi: a salire sul podio è Pietro Rinaldi delle Lame Azzurre Brindisi che, esen tato dal primo turno della diretta, ha messo in riga Guglielmo Tomaselli del Cus Catania all’ultima stoccata, Nicolò Bonaga della Scherma Treviso per 15-5, Giovanni Sciortino (Marchesa Torino) per 15-13, Gabriele Mencarelli (Isef “Meda” Torino) per 15-7 ed il brasiliano Leopoldo Gubert per 15-14 prima di arrendersi in semifinale per 15-6 a Davide Di Veroli (Verne Roma), poi vincitore della gara. Il risultato assume massimo rilievo in quanto l’ottimo Pietro è il primo anno che partecipa in tale categoria! Accede al tabellone principale un altro atleta delle Lame Azzurre Brindisi, Federico Alfonso Rodia, che ha superato al primo turno Giulio Pompejano (Methodos Catania) per 15-1, Giorgio Lombardi del Club Scherma Lecce per 15-14 e Filippo Casillo (Pro Patria Milano) per 15-12 ma che si è fermato nei sedicesimi di finale per mano di Simone Greco (Schermistica Lughese) per 15-10, salito anch’egli sul podio al fianco di Rinaldi. Oltre ai due atleti delle Lame Azzurre erano in gara altri tredici atleti pugliesi: i loro compagni di club Samuele Erriquez e Giulio Burigotto, Giulio Gaetani (attualmente tesserato per l’Accademia Marchesa Torino), per il Club Scherma Lecce il già citato Giorgio Lombardi, Corrado Verdesca, Andrea Martina e Tommaso Stanca, in rappresentanza del Club Scherma Bari Filippo Scialanga, Filippo Chinni e Gianluca Petruzzelli ed infine Andrea Piccinno, Angelo Boccardi e Dario Grassi per il Club Scherma Taranto.

Leggi tutto: Cadetti Terni, Pietro Rinaldi sul podio di spada!

Si torna in pedana con la Seconda Prova Nazionale Cadetti a Terni

Dopo lo stop forzato causa maltempo, la grande scherma torna in pedana con la seconda prova nazionale di qualificazione Cadetti alle sei armi in programma venerdì 13, sabato 14 e domenica 15 gennaio a Terni (nella foto ammiriamo la Cascata delle Marmore). Ben 1.265 il totale degli iscritti. Fra di essi ci sono anche 48 atleti pugliesi in rappresentanza di nove nostri club e cinque tesserati in altre regioni: 15 nel fioretto (10 nel tabellone maschile, 5 in quello femminile), 20 nella spada (rispettivamente 15 e 5) e 13 nella sciabola (5 ed 8). Il programma si aprirà venerdì con la prova di spada maschile con in gara, tra gli altri, Filippo Chinni, Gianluca Petruzzelli e Filippo Scialanga del Club Scherma Bari, Giulio Burigotto, Samuele Erriquez, Pietro Rinaldi e Federico Alfonso Rodia delle Lame Azzurre Brindisi, Giorgio Lombardi, Andrea Martina, Tommaso Stanca e Corrado Verdesca del Club Scherma Lecce, Angelo Boccardi, Dario Grassi ed Andrea Piccinno del Club Scherma Taranto ed inoltre il salentino Giulio Gaetani, tesserato per l’Accademia Marchesa Torino.

Leggi tutto: Si torna in pedana con la Seconda Prova Nazionale Cadetti a Terni

Intervista doppia a Roberto Cazzato ed Antonio Muraglia, una vita da Maestri

Cominciamo con un piccolo spot sui vostri club …

Roberto Cazzato “L’Accademia di Scherma Lecce nasce nel 2000 con quella che è l'attuale denominazione, ma in origine è sorta nel 1973 come Virtus Scherma Lecce. Attualmente la nostra sala è all’interno del Campus Universitario Ecotekne di Lecce, in collaborazione con la sezione Scherma del CUS Lecce. In tanti anni di attività, ovviamente, gli atleti e le atlete che hanno solcato le nostre pedane sono stati tantissimi: alcuni di loro hanno continuato a tirar di scherma anche in altre realtà, come ad esempio Mattia Loiacono, Chiara Spedicato e Giulio Gaetani, forti spadisti attuali protagonisti nello scenario nazionale italiano e internazionale. I nostri attuali campioncini sono Andrea Amodio, Elena Polimeno, Luigi Pecoraro Senape de Pace. Nei Master di Sciabola, il nostro  Claudio Cacciapaglia difende i nostri colori ad ottimi livelli Inoltre una delle attività più importanti riguarda i progetti nelle scuole della Provincia salentina. I Maestri che lavorano nella nostra sala sono due: io e mio padre Paolo Cazzato. I nostri atleti apprendono i fondamentali di tutte e tre le armi per poi successivamente essere indirizzati verso una consapevole scelta nella pratica agonistica: i giorni di lezione sono il lunedì, il mercoledì e il venerdì nella sala di Lecce ed il martedì e il giovedì nella sala di Galatina”.

Antonio Muraglia “Il Circolo della Scherma Brindisi è stato fondato su mia iniziativa nel 1994, avendo visto la luce come gruppo schermistico già nel lontano 1986, anno in cui viene affiliato per la prima volta alla FIS con un gruppo di atleti già protagonisti nel panorama nazionale ed un nutrito gruppo di neofiti che costituiranno l’ossatura del club negli anni a venire: tra di essi conseguiranno onorevolissimi risultati nell’arma della sciabola i fratelli Federico e Pasquale Balsamo, i fratelli Rino e Raffaele Cesario, Walter Boccuni e Daniela Boccuni nell’arma del fioretto sino a giungere, nel recente passato, allo squadrone di spadisti formato da atleti del calibro dei fratelli Luca e Giulio Turrisi, Mauro La Tegola, Pierpaolo Ciracì, Giorgia D’Astore e Silvia Vainò. Nel presente la società conta circa una trentina di atleti, tutti impegnati nell’arma del fioretto: la punta di diamante del sodalizio attualmente è Andrea Annicchiarico, giunto al secondo posto nella prima prova di fioretto Cadetti ad Ariccia e da ben 14 anni mio allievo; vanno aggiunti Manuel Molfetta nella categoria Giovani ed i promettenti Under 14 Samuel Sironi, Christian Zinzeri e Lara D’Agnano. Il punto di forza di questa società - che conta ogni anno un gruppo molto nutrito di atleti in erba di età compresa tra i cinque ed i sette anni - è, da sempre, l’attenzione rivolta al vivaio con la massima attenzione nella diffusione della disciplina schermistica nella provincia brindisina,”.

Quando avete sentito farsi largo dentro di voi la vocazione del Maestro?

Cazzato “Sono diventato Maestro di Scherma nel 1987, superando l’impegnativo esame presso la prestigiosa Accademia Nazionale di Napoli, discutendo la tesi sulle Azioni Ausiliarie nelle tre armi, ed ho subito iniziato a insegnare presso il Cus Lecce. Delle tre armi quella che amo di più è il fioretto, ma per molti anni ho lavorato con la spada. Da qualche anno ho riscoperto il piacere della sciabola, l'arma preferita da mio padre, il Maestro Paolo”.

Leggi tutto: Intervista doppia a Roberto Cazzato ed Antonio Muraglia, una vita da Maestri

Abbiamo 174 visitatori e nessun utente online

Partner