NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google"). Google Analytics utilizza dei "cookies", che sono file di testo che vengono depositati sul computer del navigatore per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web da parte dell'utente (compreso il suo indirizzo IP) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare l'utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Google non assocerà l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'utente può rifiutarsi di usare i cookies selezionando l'impostazione appropriata sul proprio browser, ma ciò potrebbe impedirgli di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web. Utilizzando il presente sito web, l'utente acconsente al trattamento dei suoi dati da parte di Google per le modalità e i fini sopraindicati.
Modalità del trattamento
I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
Diritti degli interessati
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 del d.lgs. n. 196/2003). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.

immagine non disponibile
immagine non disponibile
immagine non disponibile
immagine non disponibile
Slider

Campionati Nazionali Universitari a L’Aquila, pugliesi protagonisti

L’Aquila ha ospitato dal 17 al 26 maggio i Campionati Nazionali Universitari, indetti dal Centro Universitario Sportivo Italiano: tra le principali discipline presenti anche – ovviamente – la scherma che ha visto in pedana 76 atleti nelle 6 Armi. Molto buoni i risultati per la scherma pugliese, a cominciare dalla sciabola maschile dove la finale è stata disputata tra due atleti foggiani, seppur rappresentanti i Centri Universitari Sportivi di altre regioni: la vittoria è andata a Fabrizio Maria Scisciolo, in gara per il Cus Bologna, su Luca Guascito che nell’occasione rappresentava il Cus Milano. Nella spada argento per Vito Capuano del Cus Bari, superato in finale dal napoletano Marco Balzano; ha sfiorato il podio Samuele Di Coste, in gara coi colori del Cus Lecce, mentre nell’arma non convenzionale hanno gareggiato anche William Venza per il Cus Bari (13°), ancora Luca Guascito (23°) e Francesco Filacaro del Cus Bari (25°). Nel tabellone femminile 16° posto per Anna Bertoldi del Cus Bari. Nel fioretto maschile infine argento anche per Francesco Pio Iandolo del Cus Foggia, che in finale ha ceduto il passo a Filippo Guerra del Cus Tor Vergata; settimo l’altro foggiano Aristide Ferrante. Tanti applausi dal Presidente del Comitato Regionale della Federscherma Puglia Matteo Starace e di tutti i consiglieri ai pugliesi protagonisti dei Campionati Italiani Universitari!

L’Assemblea Straordinaria approva le modifiche allo statuto federale

Nel corso del Gran Premio Giovanissimi si è svolta a Riccione l'Assemblea Straordinaria 2019 della Federazione Italiana Scherma, convocata al fine di apportare le modifiche allo Statuto Federale. Sono stati 301 gli aventi diritto presenti, di cui 232 società (124 presenti e 108 per delega), 36 grandi elettori atleti e 33 grandi elettori tecnici. Puglia rappresentata ai più alti livelli con il Presidente del Comitato Regionale Matteo Starace, i massimi dirigenti di sei Società (Club Scherma San Severo, Circolo Schermistico Dauno, Scherma Trani, Club Scherma Bari, Club Scherma Lecce e Club Scherma Taranto) ed il Presidente della Commissione Immagine Renato Martino. L'incontro si è aperto con l’intervento del Presidente federale Giorgio Scarso che ha focalizzato la sua attenzione sull'iter che ha portato il Consiglio Federale a proporre all'Assemblea le modifiche allo Statuto: a seguito di una approfondita discussione il nuovo testo statutario è stato approvato con 243 voti favorevoli, 32 contrari e 5 astensioni. In sostanza l’Assemblea ha approvato le proposte di modifica avanzate dal Consiglio federale e respinto gli emendamenti e le modifiche proposte da quindici società affiliate. Fra le modifiche più importanti approvate dall'Assemblea, l'istituzione della Scuola Magistrale di scherma presso la FIS, l'aumento del numero – da sei a sette – dei consiglieri federali in rappresentanza degli Affiliati, il riordino della normativa relativa al rispetto delle quote di genere, l'abolizione dei Consigli provinciali e l’aumento del numero di sostegni necessari al fine di poter avanzare la candidatura alla Presidenza ed alle cariche direttive centrali. “Si è trattato di un momento costruttivo di confronto – ha dichiarato al termine il Presidente del Comitato Regionale Federscherma Puglia Matteo Starace – che conferma la dialettica democratica che è cifra distintiva di questa Federazione: i numeri dimostrano in maniera inequivocabile che le modifiche statutarie proposte del Consiglio Federale vanno nella direzione auspicata dai club e che c’è un forte consenso su queste riforme. Sono lieto anche per la importante partecipazione da parte delle Società pugliesi che sono a pieno titolo coinvolte in questo processo di adeguamento della scherma che si conferma disciplina sempre un passo avanti”.

A Lecce si assegnano i titoli tricolore per Cadetti e Giovani

Dopo i Campionati Europei Cadetti e Giovani disputati a Foggia tra le fine di febbraio e l’inizio di marzo, gli Under 17 e gli Under 20 tornano in Puglia per un altro grande evento: i Campionati Italiani di categoria che si disputano a Lecce venerdì 24, sabato 25 e domenica 26 maggio. Quasi cinquecento gli iscritti nelle gare che assegneranno 12 titoli italiani, al ritmo di quattro al giorno, a partire da venerdì con il programma Cadetti che scatta con la sciabola – che vede in gara il bronzo europeo Gaia Carella del Champ Napoli nel tabellone femminile ed il sestetto del Circolo Schermistico Dauno formato da Ciro Buenza, Nicola Pio Guascito, Andrea Guida, Marco Mastrullo, il campione europeo Emanuele Nardella ed Arnaldo Piserchia nel tabellone maschile – e la spada che vedrà protagonisti tre atleti delle Lame Azzurre Brindisi: Mattia Ghidotti e Pietro Rinaldi nella prova maschile, Liliana Verdesca nella femminile. Sabato 25 si chiude il panorama Cadetti con le due prove di fioretto – in pedana Francesco Fiore del Club Scherma Bari e Marco Virgilio del Circolo Schermistico Dauno – e partono i Giovani con la spada, che vedrà il ritorno a Lecce di Giulio Gaetani dell’Accademia Marchesa Torino e la partecipazione di Federico Alfonso Rodia e Corrado Verdesca delle Lame Azzurre Brindisi. Chiusura domenica 26 con le ultime quattro gare Giovani: le due di fioretto, con Francesco Pio Iandolo che difende i colori del Club Scherma Salerno, e le due di sciabola, con Federica Maria Scisciolo della Virtus Bologna nel tabellone femminile e Ciro Buenza ed ancora Marco Mastrullo del Circolo Schermistico Dauno, Marco Domenico Pellegrino della Scherma Trani e Fabrizio Maria Scisciolo della Virtus Bologna. In tutto i nostri in gara saranno dunque 21, di cui 12 fra i Cadetti e 9 fra i Giovani: a loro un grande in bocca al lupo da parte del Presidente del Comitato Regionale della Federscherma Puglia Matteo Starace, che rivolge inoltre un caloroso benvenuto ai graditi ospiti provenienti da ogni regione d’Italia!

LOCANDINA

Files:
Data 2019-05-23
Dimensioni del File 6.78 MB
Download 207

Gran Premio Giovanissimi 2019: il bilancio della Puglia

L’edizione numero 56 del Gran Premio Giovanissimi va in archivio allietato da buone notizie per la scherma pugliese rispetto ai risultati del 2018: se un anno fa infatti ci furono il secondo posto di Davide Cicchetti ed il terzo di Gaia Carafa, quest’anno il bottino parla di un secondo e cinque terzi posti. Alle conferme di Cicchetti e Carafa nelle rispettive categorie si sono infatti aggiunti i podi di Antonio Ciccone del Club Scherma San Severo nella Sciabola Maschietti, Martina Giancola del Club Scherma San Severo nella Sciabola Allieve, Marco Rutigliano della Scherma Trani nella Sciabola Allievi e Raffaele Colaci delle Lame Azzurre Brindisi nella Spada Giovanissimi. Con questi risultati la Puglia si è piazzata al tredicesimo posto nel medagliere per regioni ma in realtà solo Lazio, Veneto, Emilia Romagna, Lombardia, Campania e Toscana hanno raccolto più medaglie. In altri termini, è mancato l’acuto vincente ma il trend è comunque positivo. Ai sei podi complessivamente ottenuti vanno aggiunti il raggiungimento dei quarti di finale per Gabriele Vetturi della Scherma Trani nella Sciabola Allievi, gli ottavi centrati da Pietro Gianni Mastrolitto del Circolo Schermistico Dauno nella Sciabola Maschietti e da Ginevra Mangé dell’Accademia Scherma Lecce nella Spada Bambine ed altri 15 piazzamenti nei 32 per un totale di 24 accessi ai tabelloni principali, così distribuiti per società: 11 per la Scherma Trani, 5 per il Circolo Schermistico Dauno, 3 per il Club Scherma San Severo, 2 per Lame Azzurre Brindisi e Accademia Re Manfredi, uno per l’Accademia di Scherma Lecce. La ripartizione per arma rispecchia invece la tradizione della scherma pugliese, con 19 piazzamenti in tabellone per la sciabola, 4 per la spada ed uno nel fioretto. Il Gran Premio Giovanissimi 2019 fornisce dunque segnali incoraggianti ma anche indicazioni precise per il futuro della scherma pugliese. Il Presidente del Comitato Regionale Matteo Starace ed i Consiglieri ringraziano gli Atleti che hanno tenuto alto il vessillo della nostra scherma alle finali di Riccione!

Riccione, terminato il 56° Gran Premio Giovanissimi con la piccola Ginevra Mangé che ha sfiorato la finale

La kermesse si è chiusa con un buon dodicesimo posto tra le Bambine da parte della spadista dell’Accademia Scherma Lecce Ginevra Mangé: dopo aver superato Flavia Rosatelli dell’Accademia Lame Romane per 10-6 e Margherita Ascani del Club Scherma Fabriano per 10-5, l’atleta salentina è stata fermata negli ottavi di finale per 10-3 da Gaia Olga Leocata del Mangiarotti Milano; in gara con lei c’erano anche Deva Pantaleo del Club Scherma Lecce e Carla Marie Rubino delle Lame Azzurre Brindisi Tra le  Giovanissime sono scese in pedana Giulia Piccirillo e Ludovica Faraso del Club Scherma Taranto con Aurora Ingrosso del Club Scherma Salento. A breve sul nostro sito istituzionale il sunto di tutte le gare per gli atleti pugliesi. A tutti va l’incondizionato plauso da parte del Presidente del Comitato Regionale Federscherma Puglia Matteo Starace a nome dell’intero Consiglio!

Sottocategorie

Abbiamo 90 visitatori e nessun utente online

Partner