NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google"). Google Analytics utilizza dei "cookies", che sono file di testo che vengono depositati sul computer del navigatore per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web da parte dell'utente (compreso il suo indirizzo IP) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare l'utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Google non assocerà l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'utente può rifiutarsi di usare i cookies selezionando l'impostazione appropriata sul proprio browser, ma ciò potrebbe impedirgli di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web. Utilizzando il presente sito web, l'utente acconsente al trattamento dei suoi dati da parte di Google per le modalità e i fini sopraindicati.
Modalità del trattamento
I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
Diritti degli interessati
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 del d.lgs. n. 196/2003). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.

immagine non disponibile
Slider

Master, dieci pugliesi impegnati in Toscana

Firenze ospita la sesta ed ultima prova del circuito Master prima delle finali in programma a Trieste dall’1 al 4 giugno. In Toscana saranno presenti dieci pugliesi, di cui nove del Circolo Schermistico Dauno ed uno dell’Accademia Scherma Lecce: si tratta delle fiorettiste Laura Lotti e Maria Grazia Lattanzio, delle sciabolatrici Daniela De Pellegrino, Stefania Saponaro, Gabriella Lo Muzio e Concetta Talamo e degli sciabolatori Luigi Piserchia, Carlo Nicastro, Gaetano Palumbo e del salentino Claudio Cacciapaglia. A tutti un grande in bocca al lupo.

Francesco Bonsanto campione europeo Under 23 a squadre

Nuova soddisfazione per la scherma pugliese con la medaglia d’oro conquistata da Francesco Bonsanto nella prova di sciabola maschile a squadre ai Campionati Europei Under 23 in corso di svolgimento a Yerevan in Armenia. L’atleta foggiano – cresciuto nel Club Scherma San Severo - in forza alle Fiamme Oro è salito sul gradino più alto del podio della rassegna continentale assieme ai compagni Dario Cavaliere, Leonardo Dreossi e Federico Riccardi. Nel corso della competizione il quartetto azzurro ha sconfitto 45-41 l’Ungheria nei quarti, 46-36 la Bielorussia in semifinale e 45-41 la Francia in finale. In particolare Francesco Bonsanto è stato protagonista nella semifinale con la Bielorussia e nella finale per l’oro contro la Francia, iportando in entrambi i casi un saldo attivo di cinque stoccate negli assalti da lui condotti. Al bravissimo Francesco il plauso del Presidente del Comitato Regionale Puglia Matteo Starace e dell’intero Consiglio!

Terza prova Under 14, a Eboli spada pugliese in trionfo con Olivieri e Colaci

Puglia ad altissimi livelli in occasione della terza interregionale, disputata al PalaSele di Eboli, con la partecipazione di quasi mille atleti provenienti da ben sei regioni: Campania, Lazio, Molise, Puglia, Basilicata e Calabria. Le soddisfazioni sono altissime nella spada, con due vittorie ed un secondo posto. Nella categoria Giovanissime la finale è stata un derby dell’Accademia Re Manfredi tra Irene Guerra ed Ilaria Olivieri, col successo di quest’ultima col punteggio di 10-8; entrambe, nei turni precedenti hanno superato nettamente le rispettive avversarie; nella stessa prova c’erano anche Chiara Fischetto e Serena Carrafa delle Lame Azzurre Brindisi, Valeria Gennaccari e Beatrice Gravili del Club Scherma Lecce, Marta Anna Ingrosso della Virtus Scherma Salento, la già citata Sofia Amidei e Stefania Benedetta Vitiello del Club Scherma Taranto. Tra gli spadisti della categoria Maschietti vince Raffaele Colaci della Lame Azzurre Brindisi, che regola in sequenza Alessandro Varriale (Nedo Nadi Salerno) per 10-2, Giovanni Cicirelli dell’Accademia di Scherma Calabrese) all’ultima stoccata, Francesco Noschese del Club Scherma Salerno per 10-8, Niccolò Intartaglia (Giannone Caserta) per 10-4 ed in finale Riccardo Di Martino del Club Scherma San Nicola ancora per 10-4; ottimo sesto posto per un altro spadista atleta delle Lame Azzurre Brindisi, Paolo Lanza; assieme a loro hanno gareggiato Alessio Ingrosso del Club Scherma Lecce, Sebastian Tomasicchio del Club Scherma Bari, Niccolò Scommegna dell’Accademia Re Manfredi, Alessio Stanelli delle Lame Azzurre Brindisi, Paride Longo, Riccardo Micati e Scipione Borghese dell’Accademia Scherma Lecce, Nicolò Murrone e Riccardo Castellano della Virtus Scherma Salento. Tra le Bambine accede nelle prime otto Ludovica Faraso del Club Scherma Taranto mentre Aurora Ingrosso della Virtus Scherma Salerno si ferma negli ottavi con Alice Camilla Patarnello dell’Accademia Scherma Lecce che accede al tabellone principale. Ottavo posto per Nicolò Morciano delle Lame Azzurre Brindisi fra i Giovanissimi, dove hanno raggiunto gli ottavi Luca Cianci del Club Scherma Bari ed Emanuele Tommasi della Virtus Scherma Salento; nel tabellone principale anche gli altri due virtussini Aurelio Sicuro e Cristiano Licci; completano l’elenco Gabriele Punzi dell’Accademia Scherma Lecce e Carlo Albano del Club Scherma Taranto. Nono posto per Lawrence Pascal Paolo Ferrandina del Club Scherma Bari tra i Ragazzi/Allievi, in cui erano in gara anche Andrea Amodio, Alberto De Giorgi (ambedue giunti agli ottavi) e Alessandro Demma del Club Scherma Lecce, Ivan Giuseppe Turi e Matteo D’Amico della Virtus Scherma Salento, Piernicola Leucci delle Lame Azzurre Brindisi, Nicola Di Somma, Francesco Fazio e Andrea Guida del Club Scherma Taranto ed Arcangelo Raffaele Fiore del Club Scherma Bari. Chiara Panzera del Club Scherma Lecce è decima nelle Ragazze/Allieve che ai nastri di partenza annoveravano anche Elena Polimeno delle Lame Azzurre Brindisi, Lucrezia Orlando del Club Scherma Lecce e Jasmine Amidei del Club Scherma Taranto. Evidentemente non appagata dalla vittoria nella spada, Ilaria Olivieri ha sfiorato un clamoroso bis nella giornata di domenica dedicata al fioretto conquistando l’argento: dopo aver sconfitto per 10-4 Virginia Varvella della Società Napoletana di Scherma, per 10-3 la compagna di club Irene Guerra (quinta classificata!) e per 6-3 Chiara Cosentino dell’Accademia di Scherma Reggio Calabria, l’atleta dell’Accademia Re Manfredi ha perso di strettissima misura (7-6) la finale contro Alice Mariani del Club Scherma Roma. In gara anche le due atlete dell’Accademia Scherma Bari Giorgia Maino ed Ingrid Skaug. Nei tabelloni maschili di fioretto il miglior piazzamento per la Puglia è il sesto posto di Luigi Antonio Pecoraro Senape de Pace dell’Accademia Scherma Lecce nella categoria Giovanissimi, in cui erano presenti anche Tomas Amato e Nicolò Lombardi dell’Accademia Scherma Bari. Per i Ragazzi/Allievi approda agli ottavi Dario Lenoci del Club Scherma Bari, rappresentato anche da Simone Caporusso, Mattia Biffi e Mariano Sanò; in pedana anche Emmanuel Venturini del Circolo Schermistico Dauno. Ottavi di finale raggiunti anche da Francesco Corsa del Circolo della Scherma Brindisi nella categoria Maschietti, in cui ha gareggiato anche Adriano Falcone dell’Accademia Re Manfredi. Tornando al fioretto femminile, ottavi raggiunti anche nella categoria Ragazze/Allieve da Serena Maria Di Benedetto e Sarah Mastrolitto del Circolo Schermistico Dauno Lara D’Agnano del Circolo della Scherma Brindisi; in pedana inoltre Chiara Lisi e Chiara Lucia Minna del Circolo Schermistico Dauno, Francesca Gramazio dell’Accademia Re Manfredi, Rebecca Maria D’Alonzo e Arianna Conserva del Club Scherma Bari. Parimenti agli ottavi approdano nella categoria Bambine Margherita Amodio e Gloria Di Gennaro del Club Scherma Bari e Federica Di Giorgio del Circolo della Scherma Brindisi; nel tabellone principale anche Viola Scarano (anche lei Circolo della Scherma Brindisi) e Clara Candela del Circolo Schermistico Dauno. Nella sciabola Ragazzi/Allievi vanno a premio Nicola Pio Guascito del Club Scherma San Severo (6°) e Valerio Virgilio del Circolo Schermistico Dauno (8°), si fermano invece negli ottavi Antonio Miale, Vincenzo Cannelonga (entrambi del Club Scherma San Severo) e Gabriele Vetturi (Scherma Trani); inoltre in gara Matteo Samuele Masi, Matteo D’Amato e Walter Buenza del Club Scherma San Severo, Marco Rutigliano e Massimo Toscano della Scherma Trani, Alessandro Minna, Davide Ricciardi, Gioele Francesco Di Lago e Donato Curtotti del Circolo Schermistico Dauno. Accede ai quarti anche Martina Giancola del Club Scherma San Severo, settima nella categoria Ragazze/Allieve che vedeva in pedana anche Rossella Aurora Tursi della Scherma Trani. Nona tra le Bambine Sophia Bucci ed altrettanto tra le Giovanissime Gaia Carafa, entrambe del Club Scherma San Severo, che dopo una eccellente fase a gironi hanno inciampato nell’ostacolo degli ottavi di finale. Fra i Giovanissimi approdano agli ottavi Valerio Virgilio del Circolo Schermistico Dauno e i due atleti della Scherma Trani Mauro Angelilli e Giorgio Palumbo; in gara anche Stefano Riccioni, Luigi Villani, Mario Rizzo e Felice Starace del Club Scherma San Severo e Domenico Zucaro della Scherma Trani. Nei Maschietti c’era Vincenzo Caccavelli del Club Scherma San Severo. Il Presidente ed i Consiglieri si compiacciono per i lusinghieri risultati e per la partecipazione, oltre ad incitare tutti verso il rush di fine stagione.

Files:
Data 2018-04-16
Dimensioni del File 3 MB
Download 25
Data 2018-04-16
Dimensioni del File 3.09 MB
Download 22
Data 2018-04-16
Dimensioni del File 2.99 MB
Download 9

Giovanni Malagò stimola il territorio «Nella città di Foggia è necessaria l’istituzione di un Liceo Sportivo»

Il Presidente del Coni Giovanni Malagò, in visita a Foggia, è stato protagonista di un talk show promosso dal Rotary Club Umberto Giordano presso il Teatro intitolato al citato Compositore di casa nostra, alla presenza dei rappresentanti dello sport della provincia di Foggia. L’appuntamento, moderato da Filippo Santigliano, è stato onorato dal giornalista di origini foggiane Franco Ordine e da Donatella Curtotti, Capo Dipartimento della facoltà di Giurisprudenza e Docente Delegata alle Attività Sportive dell’Università degli Studi di Foggia: la Preside si è premurata di illustrare brillantemente il percorso della “Doppia Carriera”, dove sono stati ammessi 36 campioni, compresi i nostri Francesco Bonsanto, Martina Criscio e Raffaele Minischetti. Il tema della Dual Career sta particolarmente a cuore al Presidente del Coni, avendo aderito con la Scuola Centrale dello Sport al progetto finanziato dall’Unione Gold in Education and Elite Sport (GEES)” . Ad accogliere Giovanni Malagò al Teatro Giordano vi era una folta delegazione di Dirigenti tra cui il Presidente del Comitato Regionale della Federscherma Puglia Matteo Starace ed il Vice Presidente Roberto Lippolis con l’avvocato Luigi Roca, illustre Arbitro ed, in attualità, Componente della Commissione Disciplinare della Federazione Internazionale; non è mancata la vicinanza di Antonio Tanzi, Consigliere Regionale - Presidente del Circolo Dauno, e Renato Martino, Presidente della Commissione Federale Immagine e del Col Foggia 2019; presenti i nostri rappresentanti Martina Criscio, Francesco D’Armiento e Raffaele Minischetti, fresco di medaglia d’oro ai Mondiali Giovani di Verona; giustificata l’assenza del bronzo di Londra Luigi Samele. Nel suo intervento Malagò ha stimolato la istituzione di un ulteriore Liceo Sportivo, ad oggi per la provincia di Foggia esistente solo a Cerignola, quale catalizzatore per le energie e le risorse rappresentate dai giovani provenienti dal modo dello Sport. Festosa chiusura con il Delegato Provinciale Coni Domenico Di Molfetta che ha presentato gli atleti di Capitanata che, dal 1972 in poi, hanno rappresentato l’Italia ai Giochi Olimpici, raggiunti sul palco dagli sciabolatori summenzionati. Il Presidente Matteo Starace ringrazia personalmente Giovanni Malagò per l’indimenticabile emozione che ha suscitato la visita del “Presidente di Tutti”.

FOGGIA, IL PRESIDENTE DEL CONI GIOVANNI MALAGÒ IN VISITA AL CIRCOLO SCHERMISTICO DAUNO

Il Presidente del Coni Giovanni Malagò in visita al Palazzetto della Scherma, casa del Circolo Schermistico Dauno. Il massimo dirigente dello sport italiano, atteso in serata al Teatro Umberto Giordano per un incontro organizzato dal Rotary Club Umberto Giordano, ha espressamente voluto incontrare i rappresentanti del club foggiano rimanendo positivamente impressionato dalla struttura di Via Carlo Baffi. A fare gli onori di casa il presidente del Circolo Schermistico Dauno Antonio Tanzi; oltre ai dirigenti, allo staff tecnico e agli atleti del glorioso sodalizio pugliese, erano presenti il Presidente del Comitato Regionale Matteo Starace con il vice presidente Roberto Lippolis, il Presidente della Commissione Immagine Renato Martino e Luigi Roca, componente della Commissione di Garanzia federale e della Commissione Disciplinare della Federazione Internazionale. Con grande disponibilità Malagò si è concesso all’immancabile rito dei selfie, dedicando particolare attenzione agli atleti più piccoli e ai paralimpici, oltre ad un breve incontro con la stampa. «Sin dall’inizio del mio mandato – ha dichiarato – fa parte della mia agenda scendere almeno una volta alla settimana sul territorio per incontrare le eccellenze dello sport italiano, perché una cosa è conoscerle per sentito dire e ben altro è toccare con mano le nostre realtà. E devo dire che Foggia dispone di una struttura per la scherma che dal punto di vista architettonico e funzionale è davvero straordinaria e che in altre città neppure sognano. Avere realizzato questo polo di eccellenza è un dato dalla fortissima rilevanza sociale e culturale, tanto più importante perché purtroppo sappiamo come tutto questo al Sud sia ancora più difficile. Per questo motivo voglio esprimere la mia gratitudine ai dirigenti del club e alle famiglie degli atleti: purtroppo scontiamo il gravissimo problema della carenza dello sport nelle scuole e senza questi presidi la situazione sarebbe ancora più drammatica. Lo sport è lo strumento che deve portare nel Mezzogiorno una nuova generazione di impianti sportivi: c’è fame di queste strutture perché si avverte sul territorio una forte domanda di sport». Ancora, il Presidente del Coni traccia un quadro incoraggiante in prospettiva futura: «Nel panorama dello sport italiano la scherma rappresenta un capitolo a parte: le proiezioni che stiamo compiendo nell’ottica del quadriennio olimpico lasciano molto ben sperare e i risultati dei recentissimi Mondiali Giovani e Cadetti di Verona lo dimostrano. Questa disciplina, che si fa apprezzare per la costanza di risultati ad alto livello, ha un futuro assicurato e questo lo si deve in primo luogo al lavoro svolto in ambito federale e dalle Società operanti sul territorio. In ogni caso lo sport italiano gode di ottima salute: gli indicatori sono tutti in crescita, sia per quanto riguarda il numero di tesserati che per i risultati di vertice, e i dati delle Olimpiadi estive ed invernali lo dimostrano. Il Coni riassume in sé, ad oggi, ben 387 discipline sportive diverse: nessun altro comitato olimpico può vantarne così tante. Questo accade perché noi italiani siamo poliedrici e sappiamo ottenere risultati di assoluta eccellenza. Nella scherma siamo i primi al mondo ma in generale ci collochiamo nella top ten dello sport a livello mondiale: un dato in controtendenza rispetto ad altri settori della vita del Paese». Per finire, chiude con un impegno nei confronti del Circolo Schermistico Dauno: «Prometto di perorare la causa della Stella d’Oro al merito sportivo per questa società, che dal 1961 è un punto di riferimento per la diffusione della cultura sportiva nel territorio di Capitanata».

Abbiamo 142 visitatori e nessun utente online

Partner